L’AUTUNNO NELL’ENTROTERRA LIGURE: UN CALEIDOSCOPIO DI COLORI

E’ l’autunno la stagione in cui i verdi boschi di Martina d’Olba si trasfomano in un caleidoscopio di colori. E’ la stagione del foliage, un fenomeno naturale che si ripete ai nostri occhi e che ci affascina sempre.

Un fenomeno poetico fondato su solide basi scientifiche, gli alberi mettono in atto forme di protezione per affrontare l’inverno, devono risparmiare energia e iniziano a non assorbire più il nutrimento per le foglie, i verdi scintillanti dati dalla clorofilla a poco a poco diminuiscono lasciando posto alle più varie sfumature dei gialli, arancioi e rossi sino a che le foglie non cadranno dalle maestose chiome lasciano ben visibile l’impalcato dei rami.

In questi mesi autunnali le temperature ancora miti e le giornate di sole ci permettono di godere di piacevoli camminate nei boschi, di camminare su tappeti di foglie colorate e fruscianti tra le quali trovare castagne e scoprire la presenza di funghi.

L’autunno non è solo colori e poesia, è anche la stagione dove il bosco ci concede i suoi frutti.

In questo territorio tra Tiglieto e Sassello le castagne sono da sempre fonte di sostentamento un alimento povero che ha nutrito generazioni, e che ha nutrito in tempo di guerra.

I funghi poi qui sono rinnomati non solo per l’abbondanza ma anche per il pregio, questo territorio infatti è rinnomato per essere ottimale alla raccolta dei porcini (ovviamente muniti di tesserino per la raccolta, raccoglieteli in modo corretto, raccogliete quelli di cui siete certi).

Boschi Vivi non a caso a scelto questo angolo di entrotterra ligure per proporre il suo servizio di commemorazione ecologica, un luogo ricco di vita, bellezza, storia e tradizioni dove ricordare i propri cari.